8 -12 luglio. Nuovo sciopero dei Giudici di Pace

Le associazioni di categoria dei Giudici di Pace proclamano l'ennesimo sciopero (l’astensione dei giudici di pace in servizio nella Repubblica dalle udienze civili e penali e dalle altre attività d’istituto), secondo le modalità previste dal codice di autoregolamentazione) degli ultimi anni

Il prossimo sarà dall’8 al 12 luglio 2019.Saranno garantiti solo i servizi essenziali secondo le modalità e nei limiti previsti dal proprio codice di autoregolamentazione.

 

Dal comunicato (in allegato): 

"malgrado il recente sciopero della categoria tenutosi dal 6 al 17 maggio 2019; prendendo atto del comportamento reiteratamente lesivo ed omissivo del Ministro della Giustizia, malgrado gli impegni assunti dal Governo nel punto 12 del contratto di governo e con la categoria nei tavoli Tecnico e Politico sulla corretta amministrazione della giustizia, sulle garanzie di indipendenza, terzietà del giudice di pace nel riconoscimento dei più elementari diritti di lavoro (previdenza, assistenza, equo compenso, continuità fino a 70 anni, disciplinare, incompatibilità e trasferimenti a garanzia della indipendenza del magistrato) e di inosservanza dei precetti fondamentali statuiti dalla Costituzione e dalle principali Istituzioni Europee (Commissione Europea, Parlamento Europeo, Comitato Europeo dei Diritti Sociali del Consiglio d’Europa, Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, Comitato dei Ministri del Consiglio D’Europa, e Corte di Giustizia Europea) e mondiali (ONU);

nel rilevare che l’attuale Governo non ha manifestato alcun segnale di sensibilità verso le istanze della categoria , visto che il disegno di legge sulla magistratura onoraria approvato al CDM del 22\5\9 non solo non ha accolto alcuna delle istanze avanzate da anni dalla magistratura onoraria ma non ha avuto neanche il numero di protocollo per essere depositato in Parlamento all’esame delle Camere;

con la presente le scriventi organizzazione proclamano lo sciopero nazionale dei giudici di pace dall’8 al 12 luglio 2019;

Saranno garantiti solo i servizi essenziali secondo le modalità e nei limiti previsti dal proprio codice  di autoregolamentazione..."

Download
Proclamazione-Astensione-3-giugno-2019.p
Documento Adobe Acrobat 247.5 KB

Seguici

STUDIO LEGALE MORZENTI - PATROCINANTE IN CASSAZIONE

Stefano Morzenti, Avvocato a Monza

 

Via Volta n. 8, Monza

C.F. MRZSFN78R06A818H P.IVA 06853110960

 

Tel. 039.9417185 - 347.1988848

avv.morzenti@avvocatostefanomorzenti.it

 

Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi. La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento.